sabato, novembre 17

Hitman Film Trailer in italiano Hitman l'assassino con Timothy Olyphant


Trailer italiano del film Hitman l'assassino
Film Twentieth Century Fox
Dal 7 Dicembre 2007 in Italia


Ricchissimo Speciale da non perdere in anteprima per i lettori di CinemaNotizie.COM sull'attesissimo Hitman l'assassino, film Twentieth Century Fox dal 7 Dicembre 2007 in Italia.
In allegato trovate anche il trailer in italiano di Hitman.

Hitman è diretto da Xavier Gens, scritto da Skip Woods ed interpretato da Timothy Olyphant, Dougray Scott, Olga Kurylenko, Robert Knepper, Ulrich Thomsen e Michael Offei.

HITMAN: LA TRAMA DEL FILM

Agente 47 (Timothy Olyphant), spietata macchina di morte, il migliore nel suo campo, ha da anni alle calcagna un implacabile agente dell’Interpol (Dougray Scott).
Durante l’ultimo incarico, l’omicidio di un politico russo assetato di potere, Agente 47 resta invischiato in una cospirazione su vasta scala. Il lavoro si complica ulteriormente quando l’agente si trova inaspettatamente attratto da una bellissima prostituta, Nika (Olga Kurylenko), che diventa una variabile impazzita nella vita e nel lavoro di alta precisione di Agente 47...

HITMAN: LO SPECIALE SUL FILM

HITMAN: INTRO SUL PERSONAGGIO
Basato sulla vendutissima e premiatissima omonima serie di videogiochi, Hitman narra la storia di un assassino geneticamente modificato conosciuto come l’Agente 47. I suoi marchi di fabbrica sono una grazia letale, una precisione infallibile ed un forte orgoglio per il lavoro che svolge. Ma neanche 47 può prevedere una ‘componente casuale’ che irrompe nella sua precisissima vita: l’inaspettato risveglio della sua coscienza e le emozioni sconosciute che provoca in lui una misteriosa donna russa (Olga Kurylenko).

Timothy Olyphant (Deadwood, Die Hard – Vivere o morire) ricopre il ruolo principale, quello di un uomo misterioso e complesso, con delle profonde contraddizioni al suo interno. Infatti, la sua nascita dipende da alcuni dei maggiori criminali del mondo, ma è cresciuto in una fratellanza esiliata della Chiesa. La sua semplice esistenza sembra essere un peccato, ma lui scatena una guerra nascosta per liberare il mondo dal male. E’ brillante, carismatico e affascinante, tuttavia rivela poco di se stesso, non ha un nome ed è conosciuto solo per le ultime due cifre di un codice a barre tatuato dietro la testa.

Tra gli altri interpreti del film, figurano Dougray Scott (Mission Impossible II; Desperate housewives - I segreti di Wisteria Lane), Olga Kurylenko (Paris je t’aime), Robert Knepper (Prison Break), Ulrich Thomsen (Festen – festa in famiglia), Henry Ian Cusick (Lost) e Michael Offei (Casino Royale).


HITMAN: IL REGISTA XAVIER GENS
Hitman è la seconda pellicola di Xavier Gens, che ha esordito con Frontier(s) e che infonde nel film delle immagini degne di una graphic novel e ricche di iconografie religiose. L’approccio di Gens al materiale è in linea con il personaggio principale: stilizzato e cool. I produttori sono Pierre-Ange Le Pogam, Charles Gordon e Adrian Askarieh.
La sceneggiatura è stata scritta da Skip Woods (Codice: Swordfish). La squadra di realizzatori dietro le quinte di Hitman comprende il direttore della fotografia di Frontier(s) Laurent Barès e lo scenografo vincitore del César Jacques Bufnoir (Indocina).
Hitman è stato girato in dodici settimane nelle location di Sofia e ai Boyana Film Studios in Bulgaria, mentre la seconda unità è stata impegnata in Sudafrica, Istanbul, San Pietroburgo e Londra.

Hitman ha iniziato il suo percorso dalle console al grande schermo quando i produttori Charles Gordon e Adrian Askarieh, assieme al coproduttore Daniel Alter, hanno portato il progetto alla Twentieth Century Fox.
EuropaCorp, che vede tra i suoi soci il regista Luc Besson (che ha diretto le classiche pellicole d’azione Léon e Nikita) e il produttore Pierre-Ange Le Pogam, è entrata in gioco più tardi.

In quel periodo, EuropaCorp era impegnata nella post-produzione di Frontier(s) del giovane regista francese Xavier Gens. Besson e Le Pogam sono rimasti così impressionati dal film d’esordio di Gens che hanno consigliato ai dirigenti della Fox di dare uno sguardo ad alcune scene della pellicola. “Alla fine della proiezione”, ricorda Le Pogam, “I dirigenti della Fox ci hanno detto ‘affare fatto, sarà lui il regista”.
Oltre al lavoro di Gens su Frontier(s), che è stato presentato in anteprima in America al Festival di Toronto del 2007, i produttori e lo studio sono rimasti impressionati dalla lunga esperienza di Gens in film d’azione importanti, in cui ha rivestito numerosi incarichi produttivi, da quello di semplice assistente a primo aiuto regista. Inoltre, Gens aveva un entusiasmo genuino e contagioso per i film e il cinema.

“Xavier è un grande appassionato di cinema”, sostiene Le Pogam. “E’ innamorato di tutti gli elementi concreti necessari per la realizzazione di un film e vuole ottenere il massimo dagli attori. E’ interessato al viaggio che compie un personaggio dall’inizio alla fine. Come altre persone di talento, lui ha il dono di attrarre una squadra di professionisti dello stesso valore che vogliono lavorare con lui in ogni reparto”.


HITMAN: DAL VIDEOGIOCO AL FILM
Timothy Olyphant dà a Gens il merito di averlo convinto ad accettare il ruolo principale di Hitman. “Xavier è veramente un grande cinefilo”, sostiene l’attore. “Quando siamo stati seduti a parlare con lui delle sue idee e di che genere di film dovesse essere, mi ha convinto definitivamente a farlo, perché ha reso questo progetto molto eccitante”.

Oltre alla sua passione per il cinema, Gens è un grande amante dei videogiochi, quindi era molto eccitato di dirigere una pellicola basata su uno dei suoi preferiti: Hitman della Eidos Interactive.

Da appassionato di videogame, Gens voleva rimanere fedele allo stile e allo spirito particolarissimo del gioco. Come realizzatore, era determinato ad evitare le trappole presenti negli adattamenti dei videogiochi. “Noi volevamo che il film Hitman raccontasse una storia originale ed eccitante”, rivela Gens, “e non solo trasformare il gioco in una pellicola. Il nostro obiettivo era di tirar fuori qualcosa di ‘reale’ da un universo immaginario, rispettando allo stesso tempo tutta l’iconografia del gioco, che ha un gran numero di appassionati devoti”.

A questo scopo, Gens e lo sceneggiatore Skip Woods hanno conservato buona parte della mitologia e dell’aspetto visivo, compresi l’elaborato armamentario, le scelte di vestiti e il giglio giallo marchio di fabbrica di 47. “Skip ha scritto una sceneggiatura fantastica partendo dal materiale di base”, rivela Le Pogam. “Ha assunto un approccio completamente diverso, ma ha mantenuto tutta la bellezza e gli elementi fondamentali del videogioco e del suo personaggio principale: vestito nero, camicia bianca, cravatta rossa, testa pelata e codice a barre”. L’ambiguità psicologica e il mistero di Hitman rimangono: da dove proviene e che tipo di istruzione ha ricevuto per sviluppare le sue impressionanti qualità?

“L’agente 47 è un assassino che non prova nessun piacere quando uccide”, prosegue Le Pogam. “E’ un professionista che fa semplicemente il suo lavoro. Ed è per questo che è così enigmatico. Noi ci chiediamo sempre perché compie queste azioni”.
Armato della sceneggiatura di Woods, di un’esperta squadra di produzione e di un cast internazionale stellare, Gens si è ispirato a film che non hanno nulla a che fare con il genere delle pellicole-videogioco. “Quello che mi attirava in Hitman era l’originalità dei differenti personaggi e l’atmosfera, così come l’universo grafico in cui è ambientato il film”, rivela il regista. “Io pensavo di poter realizzare qualcosa di molto dark, un misto di thriller e film d’azione”.

Nel dar vita al personaggio principale del film Gens e Woods hanno pensato agli affascinanti protagonisti solitari che vengono solitamente associati ai western o alle spie isolate dei thriller dell’epoca della Guerra fredda. “Volevo che 47 fosse una sorta di eroe solitario”, sostiene Gans. “E’ profondamente isolato e ha qualcosa di decisamente mitologico”.
Senza dubbio, ogni appassionato della serie di videogiochi di Hitman aveva un attore in mente per rivestire gli eleganti panni dell’Agente 47. Ma dopo aver visto l’interpretazione di Timothy Olyphant in Die Hard – vivere o morire, i realizzatori sapevano di aver trovato l’uomo giusto.


HITMAN: L'ATTORE TIMOTHY OLYPHANT
“Quando ho incontrato Tim, è stato veramente una rivelazione”, ricorda Gens. “C’è qualcosa di interessante in lui, perché è una persona gentile e molto affascinante, ma è anche dark. Ritenevo che potesse esprimere bene la ricerca di 47 per trovare la sua umanità”.
“L’attore che avrebbe interpretato 47 doveva avere forza fisica, intensità, grazia ed eleganza”, prosegue Gens. “Il primo giorno di riprese, quando Tim è arrivato sul set, era esattamente il personaggio che tutti noi abbiamo sempre sognato”.

Prima di affrontare il ruolo, Olyphant ha trascorso sei settimane con un allenatore personale, che aveva un atteggiamento che Olyphant descrive come “portiamo Tim in palestra per un’ora e mezza per vedere se riusciamo a farlo vomitare”. Inoltre, ha sparato con delle armi automatiche in un poligono di tiro. Il tocco finale per trasformare Olyphant nell’Agente 47 è stato rasarsi i capelli a zero per rispecchiare la caratteristica zucca pelata del personaggio, anche se l’attore ha posto dei limiti per non assumere stabilmente questa identità, visto che il tatuaggio con il codice a barre 47 veniva semplicemente disegnato ogni giorno prima delle riprese.

Olyphant è fiducioso sul fatto di essersi dovuto rasare a zero per il ruolo. “Sarò onesto”, rivela l’attore, “pensavo che i costumi fossero affascinanti ma il taglio di capelli non tanto. Il giorno che mi hanno rasato, il mio primo pensiero è stato, ‘se solo potessi fare questo lavoro conservando la mia capigliatura’. Ma dopo un po’, non ci pensi più, perché c’è qualcosa nella testa pelata e nel tatuaggio dietro il cranio che colpisce l’immaginazione”.

“C’è una componente di violenza a sangue freddo in 47, ma in fondo, è semplicemente un tipo che sta facendo il suo lavoro, un giorno sì e uno no”, prosegue Olyphant. “La sua sembra un’esistenza piuttosto isolata, in cui è distaccato emotivamente dal suo lavoro, cosa che ritengo necessaria per portare a termine le sue missioni. Ma si può dire lo stesso di chiunque si trovi in una posizione molto importante e che lavora per conto proprio. Si tenta di rendere le cose semplici, senza lasciar spazio alle emozioni e organizzandosi il più possibile, perché questo permette loro di mantenersi lucidi e di svolgere bene il proprio lavoro”.


HITMAN: L'ATTRICE OLGA KURYLENKO
La vita ordinatissima dell’Agente 47 e la sua mente lucida affrontano delle complicazioni inaspettate quando incontra Nika, una prostituta russa che gli provoca un sussulto di coscienza e lo porta a mettere in discussione la natura del suo lavoro.

L’attrice Olga Kurylenko ritiene che il suo ruolo consenta a Hitman di staccarsi dalle normali pellicole d’azione. “Mi piacciono le emozioni e il film ne ha in abbondanza, oltre a scene di azione magnifiche”, rivela l’attrice. “Quando sono arrivata sul set e ho visto il modo in cui Xavier lo stava dirigendo, ho capito che era assolutamente diverso dalle altre pellicole basate su dei videogiochi. Spero che il pubblico si appassioni ai personaggi”.

“Nika è una catalizzatrice nella lotta interiore di 47”, sostiene Le Pogam. “Lui si ritrova in mezzo a tutta questa confusione politica, coinvolto in conflitti esterni, mentre deve assassinare delle persone e allo stesso tempo evitare che qualcuno uccida lui. In mezzo a tutto questo, appare Nika. E’ bella, dura ed affascinante e si prende cura di lui, che non è abituato a ricevere questo tipo di attenzioni. Nessuno gli ha mai detto che le persone potessero avere dei rapporti naturali e questo sconvolge decisamente la sua vita”.

HITMAN: L'ATTORE DOUGRAY SCOTT
A complicare ulteriormente la missione di 47 c’è la caccia costante da parte dell’agente dell’Interpol Mike Whittier, che ha seguito l’assassino per anni.

Come 47, Mike è un personaggio sfaccettato che Dougray Scott, l’attore che lo interpreta, ritiene contribuisca ad aggiungere un’ulteriore dimensione al film. “E’ sempre positivo per una pellicola d’azione avere dei personaggi ben tratteggiati”, sostiene Scott. “Aiuta il film perché offre una sensazione di realismo nel mondo dei personaggi. Tutto quello che si spinge verso questa direzione rimanendo nei confini del genere è magnifico. E’ molto semplice dire che, se è un film d’azione, tutto dipende dall’azione. Ma non è così. Xavier e gli attori lo hanno capito benissimo”.

“Dougray è veramente un attore intenso e ha una grande profondità interiore”, rivela Gens. “Quando ci siamo incontrati per la prima volta, gli ho parlato del personaggio di Mike e della sua famiglia. Mike è veramente devoto alla sua famiglia, ma è anche ossessionato dall’idea di catturare l’Agente 47. La caccia a 47 è come una malattia per lui, perché si tratta di prendere il suo demone interiore. Dougray ha trovato dei modi interessanti per aggiungere diverse sfumature al suo personaggio”.


HITMAN: L'ATTORE ROBERT KNEPPER
A far compagnia a Olyphant, Scott e alla Kurylenko nel cast c’è Robert Knepper, conosciuto soprattutto per il ruolo del malvagio Theodore Bagwell nella popolare serie della FOX Prison Break. Anche Knepper ha apprezzato le zone oscure del suo personaggio.

“Sulla carta, alcuni dei protagonisti, tra cui il mio, fanno delle cose terribili”, sostiene l’attore, che interpreta il ruolo di un ambiguo agente russo in Hitman, “sia che si tratti di Hitman che uccide delle persone o del tizio che insegue Hitman, che è corrotto e che a sua volta non si fa scrupoli ad ammazzare della gente. E poi si scopre l’umanità di questi personaggi e si capisce che nessuno è completamente buono o totalmente cattivo”.


HITMAN: LE RIPRESE ESTERNE IN BULGARIA E SUDAFRICA
Un altro ‘ruolo’ chiave nel film è quello della capitale della Bulgaria, Sofia, utilizzata per rappresentare le location russe. “Abbiamo deciso di girare in Bulgaria perché potevamo avere a disposizione molti set negli studios e delle location con cui dar vita ad un mondo ricco e creativo”, dichiara Gens. “La storia si svolge soprattutto all’interno e nei dintorni di San Pietroburgo, ma noi volevamo qualcosa che desse maggiormente la sensazione di un film di spionaggio degli anni cinquanta o sessanta sull’Unione Sovietica, qualcosa di freddo e dark”.

Per aggiungere un contributo supplementare alla struttura del film, i produttori hanno inviato una seconda unità, sotto la guida di Olivier Megaton, per girare un’imponente scena d’azione in Sudafrica.

“Noi volevamo realizzare un film dark ed estremo, girato magnificamente, con personaggi ben tratteggiati e che offrisse immagini e sensazioni uniche”, rivela Le Pogam. “Sofia ha delle location meravigliose, tra cui una cattedrale, delle corti di giustizia, un’università e una stazione ferroviaria. Abbiamo inserito questi personaggi molto moderni in uno sfondo architettonico che spazia in diversi secoli differenti, per fornire al film l’aspetto dark che cercavamo”.
Mentre stava dando i ritocchi finali a Hitman, Gens rifletteva sulle speranze per il suo film. “Volevo che gli appassionati fossero felici, ma anche che il pubblico vivesse l’esperienza del film come se fosse un western moderno, qualcosa di gotico ma con un tocco di poesia. Ci sono molte emozioni e importanti scene d’azione. L’Agente 47 è un uomo violento, ma è anche in cerca della sua coscienza. Per lui, è una storia di redenzione, la possibilità di trovare la propria umanità e incominciare una nuova vita. Ovviamente, il fatto che 47 ci riesca o meno è un elemento fondamentale della storia”.

NOTIZIE CORRELATE



4 Commenti:

Anonimo ha detto...

finalmente non sapevo uscisse quest'anno in Italia ottimo trailer fantastico Hitman l'attore sembra bravo ma vin diesel o statham erano meglio secondo me

Duke ha detto...

Perchè hitmEEEEEEEEEEn!!!!! :'(

lo zio ha detto...

secondo mua la parte doveva essere di Vin Diesel era hitman perfetto

Anonimo ha detto...

anche io avevo pensato a Vin.. ma poi leggendo quello che deve seguire la trama.. penso sia meglio un tipo di attore come quello scelto.. Vin era troppo "spacco tutto so un duro e basta"