giovedì, dicembre 20

[Video Sponsorizzato] Vinci Samsung Galaxy Note II con Ralph Spaccatutto


TROVA RALPH SPACCATUTTO: VINCI SAMSUNG GALAXY NOTE II!
Partecipa alla competizione per ritrovare Ralph su Findralph.com e vinci Samsung Galaxy Note II!

Ecco le prime dichiarazioni del nuovo eroe Disney Ralph Spaccatutto, dal 20 dicembre al cinema, su Samsung Galaxy Note II:

"Il nuovo display HD Super Amoled da 5.5 Pollici del Samsung Galaxy Note II spacca di brutto!
Abbinato poi alla S-Pen sensibile alla pressione sullo schermo, Galaxy Note II Spaccatutto, parola di Ralph!".


Grazie a Ralph e alla simpatica competizione promossa da Samsung e Disney, è possibile vincere Samsung Galaxy Note II ed esclusive goodie bags ricostruendo il poster perduto di Spaccatutto su

Findralph.com


Il nuovo Samsung Galaxy Note II è wide 16:9, più sottile ed ergonomico per offrire un'esperienza visiva perfetta.
Il display HD Super Amoled da 5.5 Pollici offre una nitidezza senza pari, coordinato con la S-Pen sensibile alla pressione sullo schermo che permette di scrivere e disegnare con la massima naturevolezza.

Ed ancora:

- Multi-Schermo e Multi-Tasking per organizzare gli impegni e focalizzarsi su più esigenze contemporaneamente
- Air View per avere una preview immediata dell'agenda e delle e-mail, risparmiare tempo ed avere sempre tutto il tuo mondo a portata di mano
- Popup Note per aprire istantaneamente la funzione S Note in modalità Popup e fronteggiare qualsiasi esigenza in tempo reale


Consigliato anche da Ralph Spaccatutto, il super nemico digitale dell'omonimo videogame che sogna di diventare un eroe buono e che uscirà nei migliori cinema a Natale grazie a Disney, Samsung Galaxy Note II sostiene la campagna 'Be Creative' che stimola la creatività e l'utilizzo degli smartphone e del canale digitale Mobile per la produzione di contenuti espressivi e personalizzati.

Non dimenticare di partecipare al concorso di Ralph Spaccatutto su Findralph.com per vincere Samsung Galaxy Note II!

Findralph.com



*Sponsorizzato da Samsung


mercoledì, dicembre 5

Recensione Tutti i santi giorni

domenica, ottobre 21

Recensione Pietà

Recensione Pietà diretto da Kim Ki-Duk con Lee Jung-Jin e Jo Min-Su



Pietà Recensione Film di Kim Ki-Duk con Lee Jung-Jin, Jo Min-Su, Kang Eunjin e Kim Jae-Rok




giovedì, ottobre 18

[Video Sponsorizzato] Star Player app iOS e Android: allenati con Heineken!


giovedì, settembre 27

Recensione Bella addormentata

martedì, settembre 18

[Video Sponsorizzato] Ted esilarante commedia dal creatore de I Griffin


TED - DAL 4 OTTOBRE AL CINEMA
Trailer italiano di Ted scritto e diretto da Seth MacFarlane con Mark Wahlberg e Mila Kunis

Dal creatore de I Griffin, American Dad! e The Cleveland Show arriva sul grande schermo Ted, l'orsacchiotto di peluche più folle e sboccato mai visto!

Il visionario Seth Macfarlane dirige l'irriverente commedia Ted, favola moderna sul complicato passaggio alla maturità, sui risvolti dell'amicizia e dell'amore, che vede protagonista uno spassoso orsacchiotto realizzato con grande maestria in CGI da Iloura e Tippett Studio.

Scritto da Macfarlane, Sulkin e Wild, autori della popolare serie animata I Griffin, Ted racconta la magica storia di un ragazzino solitario il cui desiderio di Natale viene miracolosamente esaudito: il suo amato giocattolo d'infanzia prende improvvisamente vita per stargli sempre accanto e non lasciarlo più solo.

Seth Macfarlane, già voce originale del mitico Peter Griffin, presta la sua voce anche a Ted.
Interpretato da Mark Wahlberg, Mila Kunis, Giovanni Ribisi, Joel Mchale, Jessica Barth, Bill Smitrovich e Laura Vandervoort, Ted uscirà in Italia il 4 ottobre 2012.


TED: LA TRAMA DEL FILM

John Bennett (Mark Wahlberg) è un uomo adulto ancora fortemente legato suo adorato orsacchiotto Ted che ha preso vita grazie ad un innocente desiderio d'infanzia.

Dopo 30 anni Ted è cresciuto, diventando un orso estremamente rude ed irriverente, uno sboccato e cinico compagno di vita: tanto più John ama Ted, tanto più scopre gli effetti devastanti del tempo trascorso con lui fumando erba e bevendo birra, con la sua carriera ormai ad un vicolo cieco.

Lori (Mila Kunis), fidanzata di John, ne ha abbastanza dell'invadente peluche e pone un ultimatum: o Ted si trasferisce, o sarà lei a farlo.
Quando John capisce di dover affrontare quella cosa chiamata 'età adulta', sarà proprio l’inaspettato aiuto del suo giocattolo d’infanzia a trasformarlo da uomo bambino a uomo maturo...


Il regista Seth Macfarlane ha dichiarato:
"Avevo concepito Ted come una serie animata, ben presto ho realizzato che la storia si prestava meglio per un film, visti anche gli enormi passi in avanti fatti negli ultimi anni dalla computer grafica.

Insieme con Alec (Sulkin) e Wellesley (Wild) lavoriamo bene, troviamo molto simili i nostri tempi comici. Loro hanno scritto delle vere e proprie chicche della comicità, hanno il meraviglioso dono di saper combinare sapientemente storia, cuore e, naturalmente, umorismo. Sono due tra i migliori scrittori comici che conosca.

Gran parte del divertimento deriva dal fatto che anni dopo che Ted ha preso vita, tutti si sono abituati a questa magia e nessuno se ne cura più molto. Anche nella vita reale si sarebbe arrivati ad una fine. Quindi, una volta che il grande momento è passato, come sarebbe l’altro 95% della vostra vita? Questo è il punto saliente in Ted"



Il produttore Scott Stuber ha dichiarato:
"Seth (Macfarlane) mirava ad offendere chiunque e non solo i singoli fuori dai gruppi. Tuttavia, egli riesce anche a mettere cuore, comicità e assurdità in questa storia che, in ultima analisi, parla del diventare adulti e lasciarsi alle spalle i simboli dell’infanzia.

È stato in grado di mescolare così tante cose. Ci sono alcune idee incredibili in questo film che vi faranno impazzire e vi faranno dire, ‘Non posso credere che l’abbiano appena fatto’. Ma alla fine, si capisce quanto non abbiano mai perso di vista i sentimenti, ed è questo l’aspetto che rende grande una commedia"


Segue un ricco speciale fotografico su Ted con locandina e photo gallery HI-RES dell'attesissima commedia con Mark Wahlberg e Mila Kunis in uscita nelle sale italiane il 4 ottobre 2012.

» CONTINUA





*Sponsorizzato da Universal

domenica, settembre 9

Festival di Venezia 69 vincitori

La 69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, organizzata dalla Biennale di Venezia e diretta da Alberto Barbera, ha visto trionfare Kim Ki-Duk che ha conquistato il Leone d’Oro al miglior film con il film drammatico Pietà.


"Il denaro mette inevitabilmente alla prova chi vive in una società capitalistica dove tutti sono convinti che esso possa risolvere ogni cosa. Il denaro è spesso causa di quanto accade ai giorni nostri.

In questo film, due persone che provocano e subiscono dolore per via del denaro e che molto difficilmente si sarebbero potuti incontrare, si conoscono e diventano una famiglia. Grazie a questa famiglia, ci accorgiamo che siamo complici di tutto quello che accade.

Il denaro farà domande tristi fino a quando tutti quelli che vivono in questa epoca moriranno. Finiremo per diventare denaro agli occhi degli altri, schiacciati sull’asfalto.
Piango ancora rivolto al cielo con scarsa fede. Dio, abbi pietà di noi"
(Kim Ki-Duk)
.


La giuria di Venezia 69, presieduta da Michael Mann con Samantha Morton, Peter Ho-Sun Chan, Ari Folman, Marina Abramovic, Matteo Garrone, Ursula Meier, Pablo Trapero e Laetitia Casta, ha assegnato i seguenti premi:

- Leone d’Oro al miglior film: Ki-Duk Kim – PIETA
- Leone d’Argento Premio speciale per la regia: Paul Thomas Anderson – THE MASTER
- Gran premio della giuria: Ulrich Seidl – PARADIES: GLAUBE (PARADISE: FAITH)
- Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile: Philip Seymour Hoffman e Joaquin Phoenix per THE MASTER
- Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile: Hadas Yaron per LEMALE ET HA’CHALAL (FILL THE VOID), Israele
- Premio Osella per la migliore sceneggiatura: Olivier Assayas – APRÈS MAI (SOMETHING IN THE AIR), Francia
- Miglior Contributo Tecnico: Daniele Ciprì – È STATO IL FIGLIO
- Premio Marcello Mastroianni (attori emergenti): Fabrizio Falco (È STATO IL FIGLIO, BELLA ADDORMENTATA)